Gatti Maine Coon e dintorni…..

Di seguito troverete una lista di titoli. Sono i libri che imperano sullo scaffale della scrivania e che spesso sono sparsi per casa.

Il gatto è un animale straordinario e se si comincia ad amarlo è davvero difficile farne a meno. Regala tenerezza e affetto in maniera incondizionata, a dispetto di quello che generalmente si pensa di lui. Certo ogni gatto, come le persone, ha il suo carattere ed è bellissimo, con un pò di empatia, sentirsi in sintonia con questo magnifico felino.

Felino è estremamente diverso da canino. Sono due razze diverse e le amo entrambe, ma se mi permettere, io consiglio spesso di non metterle a confronto: sono "mondi" nettamente diversi, anche se rientrano nella categoria degli animali domestici. Qui non vi elencherò le differenze, nè i pro e i contro della convivenza con un cane o con un gatto, lascerò invece che lo scopriate da soli e ne sono certa, troverete l'esperienza di vivere con un animale domestico letteralmente fantastica.

Se non siete persone che amano gli animali certo non starete qui a perdere tempo prezioso a leggermi, ma se avete, anche la più piccola intenzione di aprire il vostro cuore e la vostra casa ad un gatto, lasciatevi travolgere dalle emozioni, non ve ne pentirete!

 

 

  • Il gatto Maine Coon (Martine Allain)
  • Il linguaggio del gatto (Nicoletta Mango)
  • Il gatto (Viola Altieri)
  • Gatti (Giunti Demetra)
  • Bella Miao (Antonella Ottolina)
  • Roba da far ridere i gatti (Deric Longden)
  • L'educazione del gatto (Joel Dehasse)
  • Passi felpati (Frederic Vitoux)
  • Elogio dei gatti (Max Cryer)
  • I cento gatti che hanno cambiato la storia (Sam Stall)
  • Il manuale del gatto (Giunti Demetra)
  • Gatti molto speciali (Doris Lessing)
  • Io e Dewey (Vicki Myron)
  • La vita emotiva dei gatti ( Jeffrey Moussaieff Masson)
  • Cuore di gatta (Licia Colò)
  • Un fiocco di neve nella mia mano (Samantha Mooney)
  • Gli umani non fanno le fusa.... (T. Felini & H.M.Davemport)
  • Tigri leoni e altri felini (Rizzoli)

I titoli sono messi in ordine sparso e non in ordine di preferenza o alfabetico. Di questi libri ma non solo, cercerò di seguito, di evidenziarvi i passi più significativi ;) Ed allora.... buona lettura a tutti!




Un grazie particolare ad Antonella che mi ha dato la possibilità di creare la galleria fotografica successiva.

La pagina facebook di Mondo Gatto è dedicata all'affascinante mondo del gatto a 360 gradi. 
Se ami quindi questo meraviglioso animale questa è la pagina che fa per te! 

Ci puoi trovare:
- Citazioni 
- Aforismi 
- Poesie 
- Curiosità 
- News 
- Consigli utili 
- Giochi 
- Concorsi 
- Foto 
- Video 


Il gatto non offre servigi. Il gatto offre se stesso. Naturalmente vuole cura e un tetto.  Non si compra l'amore con niente. Come tutte le creature, pure i gatti sono pratici.

(W.S. Burroughs) 


Il rapporto del gatto con il cosmo è determinato in parte dalla Luna, in parte dal soprannaturale e da quegli aspetti dell'universo che noi umani non riusciamo a comprendere.

Joseph Wylder


"naif medium" di G. Coscarelli
"naif medium" di G. Coscarelli

 

Quando il mondo ebbe inizio,

il sole creò il leone

e la luna il gatto.

(Credenza degli antichi greci)



“I gatti sono meglio di qualsiasi vizio. Non fanno ingrassare e non sono né pericolosi né costosi. In compenso, possono dare dipendenza…”

(Elogio dei gatti di Max Cryer)


Ai gatti riesce senza fatica ciò che resta negato all'uomo: attraversare la vita senza far rumore. (Ernest Hamingway)


I gatti sono incompresi perché rifiutano di spiegarsi; enigmatici lo sono solo per coloro che ignorano la potenza espressiva del silenzio. ( Paul Morand)


La presenza del gatto migliora il muro del giardino in estate e il cuore quando il tempo è cattivo. (Judith Taine )


Lo sapevate che i gatti dormono venti ore su ventiquattro? Non c'è da meravigliarsi che abbiano un aspetto migliore del mio.

(Charles Bukowki)


Libbertà de pensiero

Un Gatto Bianco, ch'era presidente der circolo del Libbero Pensiero, sentì che un Gatto Nero, libbero pensatore come lui, je faceva la critica riguardo a la politica ch'era contraria a li principi sui. "Giacchè nun badi a li fattacci tui" je disse er Gatto bianco inviperito "rassegnerai le proprie dimissione e uscirai da le file der partito: chè qui la poi pensà libberamente come te pare a te, ma a condizzione che t'associ a l'idee der presidente e a le proposte de la commissione!".

"E' vero, ho torto, ho aggito malamente....!" je respose er Gatto nero.

E pe' restà nel Libbero Pensiero da quela vorta nun pensò più a gnente.

(Trilussa)


Dall'introduzione di "Elogio dei gatti" di Max Cryer:

.....Il gatto, in realtà, tiene accesa la curiosità degli umani e fornisce cibo per lo spirito. Non tollera la pretenziosità, è refrattario alla disciplina, rende umile chi è superbo e calmo chi è aggressivo. Il gatto non è schiavo di nessuno, sceglie chi amare e non si lascia persuadere. Molti animali vivono vicino agli umani: pesci rossi, cani, porcellini d'India, cavalli, capre, asini, agnelli... ma il gatto è l'unica creatura che può essere considerata libera........

Max Cryer, 2007



Il gatto è il mistero per antonomasia. Un gatto che dorme è un mistero ancora più inaccessibile. In quel momento offre solo l'opacità della sua presenza nel Mondo...

(Frédéric Vitoux)

 


I gatti e le donne fanno quello che vogliono, e gli uomini e i cani dovrebbero rilassarsi ed abituarsi all'idea. (Robert Heinlein)


Ode al Gatto – P.Neruda

Gli animali furono imperfetti,
lunghi di coda, plumbei di testa.
Piano piano si misero in ordine,
divennero paesaggio,
acquistarono nèi, grazia, volo.
Il gatto, soltanto il gatto,

apparve completo e orgoglioso:
nacque completamente rifinito,
cammina solo e sa quello che vuole.

L'uomo vuol essere pesce e uccello,
il serpente vorrebbe avere le ali,
il cane è un leone spaesato,
l'ingegnere vuol essere poeta,
la mosca studia per rondine,
il poeta cerca di imitare la mosca,
ma il gatto vuole essere solo gatto
ed ogni gatto è gatto dai baffi alla coda,
dal fiuto al topo vivo,
dalla notte fino ai suoi occhi d'oro.

Non c'è unità come la sua, non hanno

la luna o il fiore una tale coesione:
è una sola cosa come il sole o il topazio,
e l'elastica linea del suo corpo,
salda e sottile, è come
la linea della prua di una nave.
I suoi occhi gialli hanno lasciato una sola fessura
per gettarvi le monete della notte.

Oh piccolo imperatore senz'orbe,
conquistatore senza patria,
minima tigre da salotto,

nuziale sultano del cielo
delle tegole erotiche,
il vento dell'amore all'aria aperta
reclami quando passi
e posi quattro piedi delicati sul suolo,
fiutando, diffidando di ogni cosa terrestre,
perché tutto è immondo
per l'immacolato piede del gatto.

Oh fiera indipendente della casa,

arrogante vestigio della notte,
neghittoso, ginnastico ed estraneo,
profondissimo gatto,
poliziotto segreto delle stanze,
insegna di un irreperibile velluto,
probabilmente non c'è enigma nel tuo contegno,
forse sei mistero,
tutti sanno di te ed appartieni
all'abitante meno misterioso,
forse tutti si credono padroni,
proprietari, parenti di gatti, compagni,
colleghi, discepoli o amici del proprio gatto.

Io no.
Io non sono d'accordo.
Io non conosco il gatto.
So tutto, la vita e il suo arcipelago,
il mare e la città incalcolabile,
la botanica, il gineceo coi suoi peccati,
il per e il meno della matematica,
gl'imbuti vulcanici del mondo,
il guscio irreale del coccodrillo,
la bontà ignorata del pompiere,
l'atavismo azzurro del sacerdote,
ma non riesco a decifrare il gatto.
Sul suo distacco la ragione slitta,
numeri d'oro stanno nei suoi occhi.